Spoleto - Festival Due Mondi, musicista
Spoleto - Festival Due Mondi, musicista

I colori e i suoni di feste e festival

Spoleto, Spello, Bevagna, Perugia, Gubbio

Spello, infiorata
Spello, infiorata

Le feste dell’Umbria, con i loro colori, suoni e voci, sono per Steve McCurry un’occasione unica per rappresentare l’autenticità del territorio.
Spoleto, vera e propria città teatro, Steve torna più volte per assistere al Festival dei Due Mondi. Tanti i concerti, le opere liriche, la danza, la prosa, che dal 1954 animano la città. Steve ne cattura l’anima più intima negli scatti rubati dietro le quinte.
Da Spoleto alle Fonti del Clitunno, e poi a Trevi, famosa per il suo olio.
Da qui a Spello, dove il fotografo immortala i colori e i profumi dell’Infiorata, nei tappeti di fiori che ricoprono le strade della città, realizzati in occasione del Corpus Domini.
Sul lato opposto della Valle Umbra, raggiunge Bevagna. Una serie di scatti dedicati al medievale Mercato delle Gaite ritrae gli antichi mestieri.
Qui, nella penombra della chiesa romanica di San Silvestro, nasce il ritratto della ragazza in abiti medievali, simbolo di Sensational Umbria.
Da Bevagna a Perugia che, da più di quarant’anni, ospita, nella prima metà di luglio Umbria Jazz, uno dei festival jazzistici più famosi e importanti al mondo. Il suo obiettivo si ferma sui volti famosi degli artisti internazionali e su quelli dei giovani musicisti, venuti da ogni parte del mondo, che si confondono col profilo dei monumenti cittadini.
Il viaggio di McCurry tra i suoni e i colori delle feste e festival dell’Umbria si conclude a Gubbio, la città che il 15 maggio di ogni anno, dal 1160, celebra il suo Santo Patrono, Ubaldo, con la spettacolare Corsa dei Ceri.