PASSIONATE UMBRIA Ceraioli of Gubbio




Gubbio (Pg) - Palazzo del Consoli
08 dicembre 2014 - 30 aprile 2015

Diciotto scatti sulla Festa dei Ceri dal titolo ‘PASSIONATE UMBRIA CERAIOLI OF GUBBIO”, per raccontare la ‘passione ceraiola’ che ha travolto il fotografo di fama internazionale Steve McCurry, sono esposti al Palazzo dei Consoli di Gubbio.
Le foto danno il meglio di sé nei pannelli al plasma retro illuminati e bifacciali che pendono dalle arcate della Sala dell’Arengo, creando una suggestione magica, di grande calore visivo. 
L’esposizione resterà allestita fino alla fine di aprile 2015 e l’inaugurazione sarà accompagnata dal suono del Campanone, come da tradizione per la festività della Madonna, seconda patrona di Gubbio, e dall’esibizione degli Sbandieratori.

Il titolo che Steve McCurry ha scelto per il suo nuovo Progetto, “Passionate Umbria-ceraioli of Gubbio”, interpreta meglio di tante altre considerazioni in senso profondo del legame tra la nostra comunità e la Corsa dei Ceri. Il 15 Maggio, ogni anno segna il calendario della regione come un appuntamento cui nessuno di noi vicino o lontano dall’Umbria può dimenticare. Scegliere i Ceri di Gubbio come marchio della Regione Umbria fu una decisione felice che ci ha consegnato il simbolo di un’identità partecipata dell’Umbria di cui ci sentiamo gelosi custodi. Il nostro primo obiettivo è proprio quello di trasmettere alle nuove generazioni il valore di questo patrimonio. Ci sentiamo davvero “appassionati d’Umbria”, con la stessa forza e determinazione dei “ceraioli of Gubbio”, per lavorare al futuro della nostra regione. Abbiamo tante “ragioni” per farlo, una più importante di tutte: l’impegno per un’Umbria sempre migliore.

Una mostra sulla Corsa dei Ceri rappresenta con migliori risultati di tante parole la volontà della Regione di continuare senza incertezza a riconoscere questo evento popolare come una ricchezza non solo della città di Gubbio ma della intera Umbria. Per sigillare questa volontà il Progetto “Passionate Umbria-ceraioli of Gubbio” ha il compito di trasmettere il senso di questa scelta affidata a un grande interprete della contemporaneità, Steve McCurry, che svilupperà ulteriormente questo impegno anche nel prossimo futuro insieme alla città di Gubbio e alla intera Regione. Per noi tutti, per la nostra cultura, per le nostre radici, senza le quali è  difficile immaginare il futuro, questi simboli della nostra storia popolare continueranno a svolgere il ruolo di rappresentare l’Umbria, i suoi valori, la sua memoria storica collettiva, la sua identità condivisa. 

«Vogliamo ribadire l’importanza di questo progetto, che si collega alla mostra ‘SENSATIONAL UMBRIA’ allestita a Perugia – ha dichiarato Bracco - non solo per lo spessore culturale e mediatico, ma soprattutto perché la Festa dei Ceri è identità dell’Umbria intera e non solo della città di Gubbio. Il 15 maggio esprime un valore unitario per l’intera Regione, che ha scelto i Ceri a simbolo ed emblema. La forza di questa rievocazione ha travolto anche un viaggiatore globale come McCurry, abituato a girare il mondo per i suoi reportage, che si è invaghito così tanto di questa Festa, dopo una prima esperienza con i Ceri Mezzani, da volerla ritrarre in una mostra specifica».

Il sindaco Stirati, dopo aver ringraziato la Regione per il sostegno economico e organizzativo, ha ricordato l’impegno dell’amministrazione e della Regione stessa, per la realizzazione di un prossimo Centro di Documentazione sulla Festa dei Ceri, che restituisca al visitatore conoscenza ed emozione durante tutto l’anno.

«Questa mostra fotografica contribuirà a farci leggere la Festa da un altro punto di vista – ha commentato il sindaco di Gubbio – e posso dire, dopo aver conosciuto personalmente McCurry, che è entrato pienamente nello spirito di questa travolgente rievocazione, con scatti che sorprenderanno anche per l’allestimento».